I lavoratori dell’ISELFA  Spa di Solbiate Arno (Va)  da mesi in Cigs a rotazione, da ieri mattina alle ore 6.00  sono in presidio, davanti ai cancelli, per rivendicare il pagamento dello stipendio alle scadenze concordate (da mesi viene erogato in ritardo), il ripristino delle indennità (posto macchina) unilateralmente tolte dall’azienda, e il rispetto minimo delle condizioni di lavoro, peggiorate anche sotto il profilo di sicurezza e igiene.

L’azienda cita addirittura Pomigliano chiedendo di far votare i lavoratori! Ipotesi rifiutata immediatamente!

Dopo circa 2 ore di trattativa tra il titolare e le O.O.S.S. presenti in azienda ( A.L.Cobas-Cub e Fiom-CGIL) si era trovato l’accordo:
1. pagamento degli arretrati il giorno 28.06.2010 e acconto di giugno il 5.07.2010
2. Ripristino dell’indennità di posto macchina dal 1 luglio e ripristino delle condizioni di lavoro su lavorazioni pesanti che richiedono 4 addetti per squadra  e non 3 come l’azienda ha imposto da  mesi.
3. Smobilitazione del presidio e ritorno al lavoro.

Il testo definitivo dell’accordo ha tardo ad arrivare e finalmente alle 16.00 è stato inviato a questa O.S. completamente diverso da quello concordato.

IN SINTESI L’AZIENDA NON AVREBBE RIPRISTINATO LE CONDIZIONI PRECEDENTI PERCHÉ NON PUÒ SOPPORTARNE IL PESO ECONOMICO.

Di fronte a questo atteggiamento i lavoratori hanno deciso di continuare il presidio anche oggi, a partire dalle ore 6.00.

L’ASSEMBLEA PERMANENTE DAVANTI AI CANCELLI DECIDERÀ LE PROSSIME INIZIATIVE DI LOTTA.

24/6/2010 A.L.Cobas-Cub