PRESENTATO DISEGNO DI LEGGE SUL MERCATO DEL LAVORO

Il governo ha presentato il disegno di legge sul mercato del lavoro che peggiora le condizioni e le prospettive dei lavoratori e non da riposte  certe a coloro che sono fuori dal mondo del lavoro.
II disegno sul mercato del lavoro affronta tre capitoli di cui alleghiano tre schede fatte dalla Cub che affrontano i singoli temi:

• Il primo è relativo alle tipologie dei vari contratti che in Italia sono ben 46: come si leggerà in realtà nessun contratto è stato abolito, si trattano solo alcune modifiche per la maggio parte peggiorativa
• Il secondo è relativo alla modifica dell’art 18: questo è il capitolo di cui si è parlato di più per l’introduzione dei licenziamenti per ragioni economiche che non prevedono, anche se illegittimi, il rientro sul posto di lavoro ma soltanto un risarcimento economico. Si apre cioè la strada alla possibilità di licenziare con sempre maggiore facilità e a un decadimento delle tutele dei lavoratori
• Il terzo è relativo alla modifica degli ammortizzatori sociali (cig, mobilità, disoccupazione): è il capitolo sul quale si è parlato di meno in quanto sin dall’inizio c’è stato un sostanziale accordo con cgil-cisl-uil, confindustria e forze politiche di governo.  Questo però è il capitolo che  abolisce gran parte delle protezioni sociali dei lavoratori.  La mobilità che oggi arriva a 36 mesi (48 al sud) verrà sostituita dall’ASPI una indennità di disoccupazione che potrà arrivare al massimo a 18 mesi. Nel contempo viene abolita anche la Cigs per cessata attività.  Si dice che i lavoratori espulsi dalle fabbriche dovrebbero essere ricollocati ma ciò, come è ampiamente dimostrato non succederà.

Invece di fare proclami o sparate “politiche” o ideologiche abbiamo preferito approfondire i vari temi uno alla volta, da qui le tre schede, in modo tale che ognuno può avere ben chiaro la portata della riforma e i peggioramenti a cui andremo incontro che si sommano a quelli sulle pensioni.
Il disegno di legge dovrà essere ancora approvato in Parlamento e non è escluso che ci siano ulteriori peggioramenti.

Fornero 46 tipologie contrattuali.doc

IL TAGLIO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIAL1 .doc

ART 18 non ha prezzo.doc