MALPENSA:

LEPANTO VUOLE LICENZIARE I LAVORATORI!

Il servizio di accompagnamento dei passeggeri a ridotta mobilità è assicurato dal Consorzio Lepanto, che ora vorrebbe tagliare diversi posti. "Colpa degli appalti al ribasso"

Dal 1° gennaio 2013 quaranta lavoratori e lavoratrici del consorzio Lepanto, che da 16 anni hanno dato assistenza presso l’aeroporto di Malpensa ai passeggeri con ridotta mobilità (PRM), sempre con la massima professionalità e disponibilità, verranno licenziati.

I lavoratori in organico attualmente sono 63 e ora si vorrebbe licenziarne due terzi, per restare dentro nelle spese e rispettare l'appalto ottenuto al ribasso. Proprio la questione degli appalti e delle clausole sociali, è messa al centro dell’iniziativa della Cub Trasporti che oltre alle cause legali, ha indetto uno sciopero per venerdì 26 di tutti i lavoratori di Malpensa e Linate.

Ricordiamo che solo alcuni mesi fa, Sea ha internalizzato il servizio disabili fatto al T1 ai propri dipendenti senza nessuna assunzione dei lavoratori che operavano per Consorzio Lepanto, che di conseguenza è stato relegato al T2 con il massicio utilizzo della cassa integrazione.